Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

"La mia patria" di smetana. Jakub Hrůša dirige l’Orchestra di Santa Cecilia

 La mia patria di smetana. Jakub Hrůša dirige  l’Orchestra di Santa Cecilia

In onda il 12 gennaio ore 21.15

Giovedì 17 novembre 2016 ha debuttato nei concerti dell’Accademia di Santa Cecilia il direttore ceco Jakub Hrůša che, sul podio dell’Orchestra di Santa Cecilia, ha diretto “Mà Vlast” (La mia patria), un ciclo di sei poemi sinfonici composto da Bedřich Smetana fra il 1874 e il 1879.
L’opera viene eseguita integralmente per la prima volta a Praga il 5 novembre 1882, due anni prima della morte dell'autore, che era da tempo ormai completamente sordo. L'esito trionfale sanciva la volontà di celebrare con un'epopea sinfonica le tradizioni del proprio Paese, scrivendo una musica fondata sull'idioma nazionale boemo senza perdere di vista la più aggiornata produzione sinfonica europea del secondo Ottocento.
Influenzata da Liszt e da Berlioz, la musica di Smetana fa continuo ricorso non solo a motivi popolari, ma anche a figure, immagini, luoghi e ricordi leggendari e storici che danno vita una rappresentazione fastosa di simboli della sua terra d'origine. Non bisogna dimenticare che a quel tempo la Boemia era ancora sotto dominio straniero e la causa del riscatto nazionale era un'aspirazione che trovava particolare risonanza negli artisti. Di questa aspirazione Smetana, irredentista convinto, si fece portatore in una visione ottimistica e a tratti addirittura trionfale dell'affrancamento del suo popolo in nome della grandezza delle sue tradizioni. Per quanto ognuna delle sei pagine abbia un'autonomia e un riferimento a sé stante, è soltanto dal ciclo completo che si ricava compiutamente la vastità e l'unità di fondo della concezione di Smetana.

Tags

Condividi questo articolo