Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

22 maggio

RAI5 – GHIACCIO BOLLENTE

Deep Purple - Made in Japan

Gruppo musicale hard rock inglese nato a Hertford nel 1968, insieme a Led Zeppelin e Black Sabbath, i Deep Purple sono considerati fra i principali pionieri dell’hard rock e dell’heavy metal. Rai Cultura ripercorre la loro storia proponendo domenica 22 maggio alle 1:15 su Rai5 il documentario che celebra il loro quarantesimo anniversario.

Il film parte dagli anni della consacrazione, nel 1972, con Machine Head e successivamente con Made in Japan, il doppio album dal vivo registrato nel 73, durante una tournee in Giappone. Made in Japan si è posizionato al sesto posto nella classifica degli album live di tutti i tempi. Il documentario raccoglie molte immagini esclusive ed inedite e ci fa apprezzare la storia nascosta dietro la composizione dei pezzi storici dei Deep Purple, come 'Smoke on the Water', il cui riff di chitarra è entrato nella storia della musica rock.

Il gruppo è stato molto influente negli anni 70, e nelle sue sonorità si possono ravvedere elementi di progressive rock. Con oltre 100 milioni di album venduti in tutto il mondo, sono entrati nel Guinness dei primati come band più rumorosa del mondo a seguito di un concerto al Rainbow Theater di Londra, nel 1972, quando alcuni fan persero conoscenza per i 117 dB di volume raggiunto. 

23 maggio

RAI5 - GHIACCIO BOLLENTE

Joe Cocker - Mad DogsEnglishmen

È uno dei più famosi documentari musicali di tutti i tempi e racconta i concerti di Joe Cocker al Fillmore East e al Santa Monica Civic Auditorium. Lo propone Rai Cultura lunedì 23 maggio alle 23:15 su Rai5. Il docufilm, diretto da Pierre Adidge, è impreziosito da riprese nel backstage e interviste ai fan.  

Cocker, cantante inglese famoso per la sua voce roca ed energica e per l’energia delle sue esibizioni, si era dedicato a questa tournee col suo gruppo, Mad dogs & Englishmen, nel 1972, al termine della quale aveva avuto parecchi problemi con abuso di droga e alcol. Il suo successo in Gran Bretagna arriva nei tardi anni ’60, con una cover dei Beatles, With a Little Help From My Friends. Nel 1969 sbarca a Woodstock e all’Ed Sullivan Show, iniziando così a diventare conosciuto e apprezzato anche in America. Fra battute d’arresto e nuovi slanci, la sua carriera ha avuto un brusco stop a causa della malattia che l’ha poi condotto alla morte, nel 2014.

24 maggio

RAI5 - GHIACCIO BOLLENTE

Get up stand up – The story of pop and politics: We Shall Overcome

Dai primi cantautori americani ai grandi eventi di mobilitazione civile, da Woody Guthrie a Bob Dylan, dalle marce di protesta ai concerti per Nelson Mandela, la musica leggera non è solo “canzonette”: il pop può essere molto di più. La serie “Get Up Stand Up – The Story of Pop and Politics”, che Rai Cultura propone a partire da martedì 24 maggio alle 23:30 su Rai5, indaga il rapporto tra musica e politica e ricostruisce i loro 50 anni di storia assieme.

Apre la serie l’episodio “We Shall Overcome”, che parte dalle origini del rapporto fra musica popolare e forme di protesta e mette in luce l’uso della musica nelle lotte per i diritti umani in tutto il mondo. Dai movimenti sindacali alla lotta per i diritti civili in America fino alla lotta contro l’apartheid, dalle manifestazioni a favore dei nativi americani alla mobilitazione per l’indipendenza del Tibet.

Dalla seconda metà del XX secolo la cultura pop spesso ha avuto il coraggio di usare il potere e l’influenza conquistati. La musica è un autentico linguaggio universale, capace di suscitare ed esprimere le emozioni più profonde, quelle che le parole da sole non riescono a comunicare. Affidare “messaggi” alla musica significa impregnarli di quella carica emotiva che ne accresce la forza d’urto e arriva ad un pubblico vastissimo

25 maggio

RAI5 - GHIACCIO BOLLENTE

Genesis: a sum of the parts

Un grande biopic sui Genesis coprodotto dalla BBC che ripercorre attraverso un vero e proprio viaggio musicale la storia di una profonda amicizia. È il lungometraggio, che Rai Cultura propone mercoledì 25 maggio alle 23:45 su Rai5, dedicato a una delle band di maggior successo nella storia del rock ed esponente di rilievo del genere progressive. Con interviste esclusive a tutti i membri dei Genesis, presenti e passati riuniti per la realizzazione del film, filmati di repertorio inediti e immagini delle primissime hit della band.

Un racconto che parte dalle origini della band (tardi anni ’60), all’epoca compagni di scuola con la passione per la musica, per arrivare alla consacrazione di pubblico e critica di metà anni ’70 con il loro particolarissimo progressive rock teatrale.  E poi la svolta pop negli anni ’80, la delusione dei “puristi” contrapposta alle arene soldout, la defezione prima di Peter Gabriel, poi di Steve Hackett; la storia esaustiva di una band che ha lasciato il segno. 

26 maggio

RAI5 - GHIACCIO BOLLENTE

Enzo Avitabile: Music Life,

regia di John Demme

La vita di Enzo Avitabile raccontata dal regista premio Oscar John Demme. Complice una trasmissione radiofonica, che riversava le note di Avitabile nell’auto di Demme in corsa sul George Washington Bridge, il documentario che Rai Cultura propone giovedì 26 maggio alle 1:00 su Rai5, nasce dall’insolito incontro dei due artisti che insieme hanno prodotto ottanta minuti di note e fotogrammi. In perfetta comunione con la sensibilità di Demme, le partiture di Avitabile, sempre aperte alla contaminazione e alla differenza, esibiscono una solidarietà per gli oppressi e un’empatia per i margini. Il documentario armonizza la tradizione arcaica contadina della Campania comprendendo stili musicali contemporanei, fino a battere la strada della World music e a tuffarsi nel Mediterraneo e nei suoi vivi orizzonti. La produzione di Avitabile ospita artisti straordinari, depositari di una precisa identità culturale e di una tradizione artistica millenaria. Una partitura collettiva che canta gli oppressi nelle lingue del Sud e dentro una straordinaria evidenza sonora. Inteso a recuperare il patrimonio musicale partenopeo e a rivelarne la piena bellezza, Avitabile attraversa Napoli e i luoghi della sua musica. Il suono del suo sassofono risale la cantina dell’infanzia nel quartiere di Marianella rompendo la linearità del racconto e insinuando la vita familiare e amicale di Enzo. Dentro le immagini di Demme, che tradiscono un’aria di sopralluogo e di scoperta, Avitabile mescola i suoni laici con la solennità liturgica, l’anima sinfonica col cuore cameristico, risvegliando il grido popolare.

27 maggio

RAI5 - GHIACCIO BOLLENTE

Rendez vous chez Nino Rota

Il concerto di Nino Rota al Theatre de l'Odeon di Parigi, nel 2008, e il viaggio nei ricordi artistici del musicista. Rai Cultura ripropone venerdì 27 maggio alle 23:30 su Rai5 l’omaggio ai racconti musicali dell’«Amico Magico», come Fellini chiamava l’inseparabile musicista e arcano incantatore, realizzato da Mauro Gioia. Da tempo l’artista ripercorre i passi e le tracce poetiche del “canzoniere” dei nostri tempi, navigando qui nella musica di Nino Rota, uno dei massimi compositori per il cinema. Scomparso a  Roma, il 10 aprile del 1979, Nino Rota è stato tra i più influenti e prolifici musicisti della storia del cinema. 

28 maggio

RAI5 - GHIACCIO BOLLENTE

CICLO Jazz Icons II: John Coltrane

L’alta intensità della musica di John Coltrane e il virtuosismo del suo sassofono in tre esibizioni: a Düsseldorf (28 marzo 1960), a Baden-Baden (4 dicembre 1961) e a Comblain-la-Tour (1 agosto 1965). Li propone Rai Cultura nel documentario del ciclo Jazz Icons in onda sabato 28 maggio alle 23:00 su Rai5.

John Coltrane è il musicista jazz che meglio di chiunque altro ha saputo esprimere e comunicare la profondità poetica dell’effetto lirico, lo strumentista appassionato e ispirato che ha trasformato la potenza spirituale in atto rivoluzionario, attraverso innovazione, cura del suono e un nuovo e più sofisticato approccio tecnico e di studio artistico, come sintesi e coronamento di estetica e misticità. Divinizzato per le sue note e la sua magnetica e misteriosa personalità, Coltrane incarna l’anello di congiunzione tra be-bop e free jazz, un pezzo fondamentale della storia del jazz colto, conosciuto e ammirato anche dal pubblico medio o popolare.

Dopo l’incontro e la collaborazione con Miles Davis, nel 1955, prese il via la strada per trovare il proprio stile, le proprie sonorità e la propria crescita come uomo.

Fra le canzoni che possiamo apprezzare, ci sono i cavalli di battaglia di tutta la carriera di Coltrane: On Green Dolphin Street; Walkin' ; The Theme; Autumn Leaves / What's New / Moonlight in Vermont; Hackensack; My Favourite Things; Ev'rytime We Say Goodbye; Impressions; Vigil; Naima; My Favourite Things.

 

RAI5 - GHIACCIO BOLLENTE

CICLO Jazz Icons II: Duke Ellington

La vastissima opera di Duke Ellington (1899-1974), pianista, compositore e direttore d’orchestra, rappresenta una delle maggiori espressioni del jazz e della musica del nostro secolo. Profondamente legato al blues e allo swing, Ellington riuscì a mantenere in tutti i suoi lavori una forte carica comunicativa, basata soprattutto su una grande vena melodica, che rende accessibili a un largo pubblico persino le composizioni più complesse. Il documentario del ciclo Jazz Icons che Rai Cultura propone sabato 28 maggio alle 24:30 racconta la musica di questo grande artista.

Ellington è stato anche il jazzista che meglio ha risolto il problema del difficile rapporto tra pagina scritta e improvvisazione; egli operava con una logica da vero e proprio compositore, anche se i suoi pezzi non sono riproducibili in maniera esatta da altri gruppi o da altri solisti, come invece avviene per la musica classica.

I brani che possiamo apprezzare in questa puntata di Jazz Icons sono stati registrati ad Amsterdam nel 1958, durante un’esibizione con l’orchestra di 16 strumenti di Ellington, a due anni dalla sua seconda nascita, com’è considerata la performance del Newport Jazz Festival.